Frazionamento terreno agricolo

Frazionamento Catastale
Perchè effettuarlo?
Il frazionamento catastale è una procedura che riguarda sia terreni che immobili come case, appartamenti, ville, locali commerciali e diverse altre strutture edilizie.
Frazionamento appartamento
Abiti in città? Lo sai che appartamenti più piccoli hanno maggior valore immobiliare?
Il frazionamento può essere un ottimo investimento
Frazionamento
Edificio
Sei il proprietario
di un edificio?

Puoi ricavare più unità immobiliari
per procedere con la vendita
o la locazione degli stessi
Frazionamento
Terreno
Ha necessità di dividere un terreno in più lotti?
In caso di compravendita o successione ereditaria è necessario procedere al frazionamento
Affidati ad un nostro tecnico abilitato!
Il team di Studio Architetto si occuperà di:
  • Raccolta documenti
  • Sopralluogo e rilazione topografica
  • Elaborazione del frazionamento con procedura PREGEO
  • Deposito al Comune di competenza
  • Trasmissione all'Agenzia delle Entrate
Costo Frazionamento Catastale:
cosa comprende il servizio?
- Diritti di istruttoria CILA
-Imposta catastale
- Parcella del tecnico
- Costo dei lavori edili
  • Prima Consulenza GRATUITA
  • Ricontatto Immediato
  • Soluzioni Personalizzate
Frazionamento terreno agricolo Frazionamento terreno agricolo
Calcolo rendita catastale e calcolo valore immobiliare
Frazionamento: tutto quello che c'è da sapere...

Nel corso della vita può accadere che ci si trovi di fronte alla necessità di effettuare un frazionamento di un immobile, facendo riferimento non soltanto ad un edificio ma anche al frazionamento terreno agricolo. Questa necessità può accadere per diversi motivi: il più diffuso è senza dubbio quello della successione ereditaria. Alla scomparsa del proprietario i suoi eredi si trovano nella condizione di dover dividere l’unità immobiliare in tante parti quanti sono gli eredi stessi. Ognuno degli eredi dovrà infatti intestarsi la propria porzione di immobile, distinta da quella degli altri eredi.

Allo stesso modo può accadere che la necessità di effettuare un frazionamento derivi dall’esigenza di ridurre la proprietà in seguito alla stipulazione di contratti di vendita o di affitto che riguardano solo una porzione dell’intero immobile.
Quando si decide di procedere con un frazionamento è però una buona prassi quella di informarsi correttamente sulle procedure e sui costi che tale pratica comporta. In tal modo non ci si troverà di fronte a sorprese quando il nostro tecnico di fiducia presenterà la propria parcella.

Frazionamento Catastale: nozioni tecniche

Prima di affrontare qualsiasi altro discorso, conviene valutare appropriatamente la natura stessa della procedura di frazionamento catastale: si tratta in pratica di una procedura con la quale un proprietario di un immobile divide formalmente un appezzamento di terra, una casa, un edificio e così via.

Oltre alla divisione in sé, è possibile anche cambiare la natura dell’immobile stesso, cambiando la sua destinazione d’uso: è ad esempio il caso di un garage che viene trasformato in un locale ad uso commerciale.

Effettuare un frazionamento seguendo le norme e le procedure di legge è essenziale per non incappare in aspre sanzioni amministrative.

La Procedura per frazionare un terreno agricolo

frazionamento terreno agricolo

Esempio di frazionamento agricolo

Per poter effettuare il frazionamento di una particella occorre presentare una richiesta presso il comune di competenza: tale atto viene solitamente predisposto da un geometra con pochi giorni di lavoro.

Per procedere al frazionamento terreno agricolo occorre però rispettare alcune norme: in primo luogo è bene recuperare presso il catasto tutte le informazioni relative al terreno stesso e, sempre supportati da un tecnico qualificato, recarsi sul posto per tracciare i nuovi confini.

La regola generale che si applica al frazionamento dei terreni agricoli prevede che non sia possibile frazionare un terreno agricolo di superficie inferiore ai 15 mila metri quadrati. Questa regola può essere superata solo nel caso la destinazione urbanistica prevista dal piano regolatore generale passi da agricola a edificabile. In questo caso è possibile frazionare terreni più piccoli.

Una volta ottenuta l’autorizzazione dal Comune, il nuovo frazionamento potrà essere accatastato. Affinché la procedura abbia valore legale è necessario che il nuovo proprietario passi per la registrazione presso un notaio.

Quanto costa un frazionamento di un terreno agricolo

E’ ovvio che la procedura di frazionamento abbia un costo: se non altro per far sì che il geometra incaricato ad effettuare la divisione possa coprire tutte le spese necessarie alla predisposizione dell’atto.

Sono dunque riconducibili all’onorario del tecnico i primi costi da sostenere. Per farsi un’idea di quanto si dovrà spendere bisogna considerare che il costo è parametrato in base all’entità del sopralluogo (che si può calcolare a ore oppure in base alla metratura del terreno oggetto del frazionamento), poi in relazione al costo del progetto, ed infine in relazione al deposito del progetto al Comune.

Anche il Comune stesso prevede dei costi per il cittadino che intende effettuare la registrazione di un frazionamento di un immobile, sia esso un edificio che un terreno agricolo. Di solito i costi per i diritti delle pratiche sono fissati in base al tipo di frazionamento e al tipo di immobile. Normalmente viene richiesto la cittadino un pagamento delle imposte di bollo per l’espletamento della pratica.

Infine occorre pagare i diritti catastali sull’immobile.
Appare dunque evidente che sul costo della pratica incidano una vasta serie di fattori e dunque, prima di procedere, può essere corretto chiedere al tecnico che si intende incaricare, un preventivo di spesa comprensivo di tutte le voci menzionate.