La perizia tecnica in ambito edilizio è utile per descrivere processi che riguardano gli immobili. Vediamo di cosa si tratta e quando sono richieste.

Cos’è una perizia tecnica

perizia tecnicaLe perizie tecniche vengono redatte da tecnici esperti in determinati settori come quello immobiliare e edilizio. Anche il Comune, un ente pubblico o un privato possono avvalersi della consulenza di un esperto.

Sostanzialmente si tratta di verificare le condizioni di un immobile o di un qualsiasi altro oggetto, al fine da stendere una documentazione scritta, atta ad esprimere un giudizio indispensabile a chiarire la problematica e trovare la soluzione più consona per affrontare al più presto i lavori.

Le perizie tecniche vengono richieste persino in ambito giudiziario, per risolvere controversie di natura economica e tecnica. In questo caso è il giudice a ricercare la presenza di un professionista per avere chiarimenti sulla questione da deliberare. In ambito edilizio, il tecnico può essere un architetto, un geometra o un ingegnere. Indipendentemente dal settore in cui opera, il tecnico, per esercitare la sua professione deve essere abilitato e iscritto allo specifico Ordine di appartenenza.

Le perizie tecniche vanno attentamente studiate, in particolare nell’identificare difetti gravi presenti su un immobile e che richiedono interventi costosi, come i danni alle fondazioni, l’umidità, tetti ammalorati e altro. Occorre prendere nota che se la lesione non è evidente, ma potrebbe causare problematiche in futuro, va evidenziata. Le perdite delle grondaie che bagnano le pareti, per esempio, devono essere riparate immediatamente per evitare poi infiltrazioni di umidità all’interno dell’abitazione.

Quali sono le tipologie di perizia tecnica

Esistono diverse tipologie di perizie tecniche dipende dalla finalità per cui si sono rese necessarie le richieste e le modalità con cui vengono compilate.

Perizia immobiliare

In caso di un fabbricato, la perizia tecnica è redatta per: determinare il valore di mercato di un immobile o di un terreno; valutare la spesa da affrontare per riparare il danno che la struttura ha subito; accertare distanze e misure; controllare la conformità che prevede la normativa in campo edilizio e la regolare concordanza con gli strumenti urbanistici in vigore.

Perizia tecnica di parte

Se la consulenza tecnica è richiesta per un Tribunale, la perizia viene eseguita dal CTU, in tal caso il perito collabora con il Giudice fornendogli assistenza tecnica, mentre si interroga il CTP  (Consulente tecnico di parte) quando il perito assiste la parte in causa. La perizia tecnica di parte è redatta in forma semplice se l’analisi è firmata e timbrata dal tecnico abilitato.

Perizia asseverata e perizia giurata

La perizia diventa asseverata quando il professionista si assume la responsabilità di approvare quanto riportato nella relazione, mentre è perizia giurata se il documento contiene una dichiarazione di valore penale, firmata da parte del tecnico, dove afferma esplicitamente che quanto esposto è il risultato di un’attenta e veritiera analisi.

Come redigere una relazione tecnica e costi

La prima fase per redigere una perizia tecnica di tipo immobiliare è esaminare i luoghi, compiere le opportune indagini e scrivere la descrizione esatta di quanto è stato rilevato sul posto. Bisogna esaminare l’aspetto generale dell’immobile, come la sua composizione, l’ubicazione, la documentazione catastale, i materiali usati per la realizzazione, ecc..

La seconda fase riguarda la valutazione delle cause che hanno portato alla richiesta di una perizia tecnica, quindi una stima dei danni e la dinamica per ripararli. Nella fase finale, vengono stimati i costi e il procedimento da seguire per rimediare all’eventuale danno.

In una perizia estimativa vengono effettuate le misurazioni dell’immobile per calcolare il valore di mercato della casa. La perizia si conclude con un paragrafo che riassume i risultati raggiunti e la motivazione per cui è stata sollecitata.

Le perizie tecniche hanno costi variabili, molto dipende dal tipo di resoconto commissionato. L’onorario di una relazione di stima viene calcolato in percentuale sul valore dell’immobile. Il compenso del CTU per una consulenza tecnica viene deciso dal giudice al momento della sentenza. Indicativamente una perizia semplice costa 300€, se invece è giurata occorre aggiungere al compenso spettante al professionista anche il costo di diverse marche da bollo.