SCIA EDILIZIA per
Quando occorrela Segnalazione Certificata di Inizio Attività?

La Segnalazione Certificata di Inizio Attività, conosciuta senplicemente con l’acronimo di SCIA, dovrà essere presentata nei seguenti casi:

  • interventi di manutenzione ordinaria di cui all’ art. 24, c. 21 delle N.T.A. del P.R.G.;
  • interventi di manutenzione straordinaria
  • interventi di restauro e risanamento conservativo
  • interventi di ristrutturazione edilizia leggera
  • varianti in corso d’opera, non essenziali, a Permessi di Costruire
  • varianti in corso d’opera, ad istanze in corso di validità
  • opere a completamento di interventi oggetto di titoli abilitativi scaduti e realizzabili ai sensi dell’art. 22 del D.P.R. 380/01
  • installazione dei manufatti realizzati con sistemi di prefabbricazione leggera, non perennemente infissi al suolo, con carattere temporaneo, destinati ad essere smontati al termine della stagione turistica e in ogni caso entro 12 mesi
  • opere removibili, dirette a soddisfare esigenze contingenti, temporanee e stagionali per lo svolgimento di attività, manifestazioni culturali e sportive.
  • installazione di pannelli solari termici di sviluppo superiore a 30 metri quadrati, destinati esclusivamente alla produzione di acqua calda e di aria negli edifici pubblici e privati e negli spazi liberi annessi, sempre che non comportino modifiche dei volumi e le superfici delle singole unità immobiliari
Affidati ad un nostro tecnico abilitato!
SCIA ROMA: Tempistiche e sanzioni
Validità max 3 anni
La SCIA a Roma ha una validità massima di tre anni e i lavori possono essere avviati nello stesso giorno in cui questa viene presentata.
SCIA in Sanatoria
Nel caso in cui non sia stata presentata la SCIA entro i termini previsti dalla norma, ossia prima dell'inizio dei lavori, è possibile presentare una SCIA in sanatoria, andando così a legittimare l'intervento edilizio.
Vademecum
Documenti da allegare alla presentazione SCIA
  • asseverazione
  • relazione tecnica elaborata da un tecnico certificato
  • elaborato grafico firmato da un tecnico abilitato
  • D.U.R.C. (Documento Unico Regolarità contributiva)
  • dichiarazione sostitutiva di certificazione attestante la titolarità alla presentazione della comunicazione
  • copia fronte-retro documento d'identità
  • estratto di mappa catastale
  • eventuali pareri preliminari
Non sai dove e come reperire i documenti sopra indicati?

Richiedi subito una consulenza! Il nostro tecnico provvederà a presentare la SCIA completa di tutta la documentazione richiesta.

Segnalazione certificata di inizio attività: come si fa una scia?

scia romaSpesso a Roma si decide di trasformare case di grandi o medie dimensioni in un bed and breakfast così da intraprendere un’attività imprenditoriale e sfruttare gli spazi a disposizione. In molti si chiedono come fare una scia o come presentare una scia al proprio comune. In questo ambito non esiste una normativa nazionale, ma ci sono notevoli differenze da Regione a Regione in quanto ognuna legifera in maniera autonoma sulla materia.

Di conseguenza, quando si vuole aprire un bed and breakfast, è necessario verificare cosa prevede la legge della propria Regione. In genere questa forma di alloggiamento turistico viene esercitata solo come attività non imprenditoriale, saltuaria, con un numero limitato di posti letto e all’interno dell’abitazione di residenza, fornendo anche la prima colazione agli ospiti.

La procedura di dichiarazione apertura attività prende il nome di: segnalazione certificata inizio attività. Si tratta della stessa segnalazione certificata di inizio attività edilizia che si deve avviare per tutte le pratiche edili di costruzione o ristrutturazione.

Tuttavia bisogna tenere a mente che alcune Regione permettono di superare questi limiti: ad esempio è possibile destinare a questa attività abitazioni diverse dalla propria residenza e le camere possono avere caratteristiche diverse. Proprio per questo motivo è bene contattare lo sportello comunale Suap (sportello unico attività produttive) per verificare quale debba essere la procedura da seguire. Eseguiamo la segnalazione certificata di inizio attività scia nelle seguenti zone del comune di Roma e dintorni:

  • Scia a Ottavia
  • Scia a Santa Maria della Pietà
  • Scia a Trionfale
  • Scia Castelluccia
  • Scia a Tor di Quinto
  • Scia Tomba di Nerone
  • Scia a Farnesina
  • Scia a La Giustiniana
  • Scia a La Storta
  • Scia a Santa Cornelia
  • Scia a Labaro
  • Scia a Cesano di Roma
  • Scia nel quartiere Parioli
  • Scia nel quartiere Flaminio
  • Scia quartiere Salario
  • Scia quartiere Trieste
  • Scia quartiere Nomentano
  • Scia a Monte Sacro e Monte Sacro Alto
  • Scia a Serpentara
  • Scia a la Bufalotta

In oltre redigiamo e inoltriamo la segnalazione inizio attività anche in queste zone nella provincia di Roma, che fanno comune a se:

  • Scia a Campagnano di Roma
  • Scia a Formello
  • Scia a Bracciano
  • Scia ad Anguillara Sabazia
  • Scia a Trevignano di Roma
  • Scia a Mazzano Romano
  • Scia a Fiano Romano
  • Scia a Manziana
  • Scia a Magliano Romano
  • Scia a Morlupo
  • Scia a Rignano Flaminio
  • Scia a Riano
  • Scia a Sacrofano

Come si compila la Segnalazione Certificata di Inizio attività?

In tutte le Regioni è necessario presentare la segnalazione di inizio attività (SCIA) per poter avviare un’attività: si tratta di una modalità che sostituisce l’invio della DIA. Si può iniziare l’attività subito dopo la presentazione della documentazione al Suap del Comune competente per territorio.

L’iter burocratico della dichiarazione, l’entità delle spese per l’apertura della Scia e gli allegati richiesti variano da Regione a Regione: in alcune basta la planimetria dell’immobile, mentre in altre occorrono anche la copia della polizza di assicurazione di responsabilità civile e il contratto di affitto oppure di proprietà del fabbricato.

Scia Roma: come presentare la richiesta

La SCIA si invia sempre per via telematica. In questo modo si ottengono diversi vantaggi, in primo luogo la possibilità di poter effettuare l’immeditata apertura della struttura ricettiva nello stesso momento in cui si presenta la documentazione attraverso il portale della pubblica amministrazione di riferimento. Quanto costa fare una scia? I costi per la SCIA consistono dei diritti di istruttoria e in base ai Comuni gli importi variano.

Quant’è il costo scia?

L’entità del diritto di istruttoria per gestire la SCIA è determinato dalla specifica legge regionale in materia e dall’ente locale competente per territorio. Per ogni istanza presentata occorre versare il relativo diritto di istruttoria.

Scia Commerciale e Scia Roma per attività ricettive

wAAACwAAAAAAQABAEACAkQBADs= - Costo Scia e Presentazione S.c.i.a. Roma

A Roma il versamento avviene tramite la compilazione di una reversale: occorre andare sul sito ufficiale del Comune di Roma, selezionare il menù Servizi Online e quindi accedere alla sezione Servizi di Riscossione Reversali con la propria password. A questo punto si clicca sulla voce Nuova reversale, si seleziona Dipartimento Turismo come struttura competente e quindi Ambito SUAR.

A questo punto si indica il Tipo Reversale Attività Ricettive Alberghiere ed Extralberghiere e la causale, per poi inserire l’entità dell’importo e le modalità di versamento.

Costo SCIA Roma per apertura Bed and Breakfast

Le tariffe e il costo pratica scia per i diritti di istruttoria per aprire un bed and breakfast sono di circa 250 euro se la struttura ha dimensioni pari oppure inferiori a 250 metri quadrati. Il costo è maggiore se la metratura dell’immobile va da 251 a 500 metri quadrati.

Invece si devono pagare 1.000 euro per qualunque struttura ricettiva di oltre 501 metri quadri. Bisogna presentare la SCIA e versare i diritti di istruttoria anche in caso di modifiche al bed and breakfast dovute a un ampliamento, a una ristrutturazione oppure a una riduzione dell’immobile.

Lo stesso vale quando si parla di costo scia commerciale e si inserisce un centro benessere oppure se si effettua anche la somministrazione di bevande e alimenti. I diritti di istruttoria sono di 50 euro per le strutture ricettive entro 250 metri quadrati, di 150 euro per quelle tra i 251 e i 500 metri quadri e di 300 euro per quelle che superano di 501 metri quadrati di estensione.

In secondo luogo occorre tenere a mente che la presentazione della SCIA risulta essere obbligatoria anche quando si verificano variazioni nella classificazione della struttura ricettiva, modifiche societarie, cambi di gestione o di titolarità oppure rettifiche per quanto riguarda i periodi di apertura.

Richiedici subito un preventivo personalizzato per il servizio di presentazione scia a Roma

Vi aiutiamo nella presentazione scia nei seguenti quartieri di Roma: Ottavia, Santa Maria della Pietà, Nomentano, Trieste, Salario, Flaminio, Parioli, Bufalotta, Serpentara, Monte Sacro e Monte Sacro alto, cesano di Roma, Labaro, Santa Cornelia, La Storta, La Giustiniana, La Farnesina, Tomba di Nerone, Tor di Quinto, La Castelluccia, Trionfale.

Eseguiamo la pratica scia  con la relativa documentazione scia anche nei seguenti comuni fuori Roma: Sacrofano di Roma, Riano, Rignano Flaminio, Morlupo, Magliano Romano, Manziana, Fiano Romano, mazzano di Roma, Trevignano Romano, Anguillara Sabazia, Bracciano, Formello e Campagnano.

  • Prima Consulenza GRATUITA
  • Ricontatto Immediato
  • Soluzioni Personalizzate
3332528616 - Costo Scia e Presentazione S.c.i.a. Roma 3271253992 - Costo Scia e Presentazione S.c.i.a. Roma
formGirl2 - Costo Scia e Presentazione S.c.i.a. Roma
Sommario
Scia Roma
Valutazione servizio
2.5 based on 15 votes
Tipologia di servizio
Scia Roma
Nominativo Fornitore
Studio Architetto,Roma,Lazio- Telephone No.327 1253992
Località
Roma e provincia
Descrizione servizio
Segnalazione di inizio attività Roma e provincia.