Ispezione ipotecaria: cos’è e come si legge

Che cos’è l’ispezione ipotecaria

L’ispezione ipotecaria è una procedura che consente di consultare i registri, i titoli e le note depositati presso il catasto e l’Agezia delle Entrate. Può essere richiesta in ufficio e quindi occorre fare riferimento alle sedi provinciali dell’ente dove è in vigore il sistema del libro fondiario. In alternativa si opta per l’ispezione ipotecaria on line, soluzione molto più semplice e veloce che consente di accedere però solo alle informazioni archiviate in formato elettronico.

Grazie a questa procedura si possono consultare le trascrizioni, le annotazioni e le iscrizioni nella banca dati ipotecaria. In questo modo si possono avere informazioni sull’esistenza di vincoli di vario genere che gravano sull’immobile (sequestri, pignoramenti oppure domande giudiziarie) oppure sugli atti di trasferimento o acquisizione di beni immobili. Inoltre è possibile verificare l’esistenza di mutui oppure le cancellazioni di ipoteche.

Oltre all’ispezione ipotecaria per immobile viene messa a disposizione anche quella per soggetto. In questo caso la ricerca viene effettuata tenendo in considerazione chi sia l’acquirente oppure il venditore di un bene immobile. Di conseguenza un’ispezione ipotecaria per soggetto prevede un referente a favore e uno contro.

Ispezione ipotecaria, come si legge

L’ispezione ipotecaria riporta i dati conservati nei registri immobiliari dell’Agenzia delle Entrate, tuttavia la sua lettura dipende dalla tipologia di ricerca fatta. Per effettuare un’indagine ipotecaria per soggetto bisogna conoscerne il nome completo e il codice fiscale; se si tratta di una società e non di un privato basta la partita IVA. Inoltre si deve indicare all’interno di quale provincia ricercare le informazioni del soggetto su cui si vuole effettuare l’indagine.

Invece per realizzare un’ispezione ipotecaria per immobile si devono inserire i suoi estremi catastali (Comune, foglio, particella ed eventuale subalterno. In ogni caso il risultato contiene i dati del proprietario e gli estremi catastali dell’immobile.

Inoltre possono essere presenti eventuali iscrizioni, trascrizioni e annotazioni. Le prime permettono di sapere se ci sono ipoteche o mutui sull’immobile in quanto queste formalità seguono il bene e non il proprietario. Di conseguenza si tratta di informazioni molto utili quando si vuole acquistare casa.

Invece le trascrizioni permettono di seguire i vari passaggi di proprietà dell’immobile e di essere a conoscenza di vincoli come sequestri e pignoramenti. Infine le annotazioni modificano quanto previsto da precedenti trascrizioni o iscrizioni. Ad esempio indicano la cancellazione di un mutuo.

 

Costo ispezione ipotecaria

L’ispezione ipotecaria è una procedura molto utile in un’ampia gamma di situazioni, a partire dal recupero crediti e dalle compravendite immobiliari. Infatti permette di verificare se un soggetto detiene effettivamente dei diritti su un bene immobile e quale sia la situazione reale di un fabbricato oppure di un terreno.

I costi variano in base al tipo di ricerca che si vuole effettuare. L’ispezione ipotecaria a titolo gratuito e in esenzione da tributi viene concessa soltanto a un soggetto che detiene in tutto o in parte dei diritti reali (proprietà, usufrutto o altro) sull’immobile oggetto della ricerca e soltanto su quello. Se invece la visura riguarda un altro soggetto, sia una persona giuridica che fisica, occorre versare l’importo richiesto dall’ente.

Le spese previste sono composte da due voci: innanzitutto occorre pagare le tasse ipotecarie previste per legge. Il loro ammontare è determinato in base alla tabella allegata al D.Lgs. 347/1990 e modificata dal D.L. 16 del 02 marzo 2012. Inoltre devono essere corrisposte le spese per il servizio fornito, che comprende la ricerca vera e propria, l’estrazione dei documenti di cui è oggetto l’immobile oppure il soggetto in questione, la verifica della rispondenza e la stampa della visura.

Proprio per questo motivo esistono aziende e professionisti che si occupano di realizzare ispezioni ipotecarie e che permettono al cliente di evitare l’iter burocratico. Infatti per richiedere la visura ipotecaria riguardante un altro soggetto o immobili di cui non si è titolari occorre accreditarsi sui servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate, come Entratel o Fisconline. In alternativa bisogna recarsi all’ufficio provinciale competente per territorio e presentare domanda allo sportello. In genere le spese totali sono di 16-17 euro.

Summary
Ispezione ipotecaria: cos'è e come si legge
Article Name
Ispezione ipotecaria: cos'è e come si legge
Description
In cosa consiste l'ispezione ipotecaria? Quando è consigliabile effetturla? Una breve guida su tipologie e costi dell'ispezione ipotecaria.
Author
Publisher Name
Studio Architetto
Publisher Logo